Spazioprever lezioni in rete - I.I.S. "A. Prever" Pinerolo

 

Enografia Internazionale

Un grappolo di Cabernet Sauvignon Un grappolo di Cabernet Sauvignon

La scoperta completa delle potenzialità dell’Italia non è ancora avvenuta, e nell’opinione pubblica internazionale la Francia resta ancora il leader indiscusso, ma su alcuni mercati la stessa California ci supera.

I vini californiani spuntano a volte dei prezzi incredibili, con punte qualitative straordinarie, ma certamente non hanno la varietà che abbiamo noi.

Al di là del primato della Francia esistono quindi nazioni importanti come gli Stati Uniti (80% California), l’Australia, la Spagna che come l’Italia sta vivendo una seconda giovinezza. Ci sono poi dei paesi emergenti, a metà strada tra la realtà e la novità, come il Cile, la Germania, l'Austria e Ungheria, ma anche paesi nuovi che non conoscevamo come la Nuova Zelanda oppure il Sudafrica. Il Portogallo, legato alla produzione di due vini il Porto e il madera e l’Argentina sono nazioni con forti tradizioni vitivinicole.

Un grappolo d'uva chardonnay Un grappolo d'uva chardonnay

L’uva chardonnay è il vitigno bianco per eccellenza perché più o meno dà dei buoni risultati ovunque, dà una buona struttura al vino oltre a prestarsi facilmente a rifermentazione e trattamenti in legno.

Viene affiancata sempre di più dal sauvignon blanc ma anche da semillion, gewurztraminer, chenin blanc, moscato, uva quest’ultima aromatica con tantissime sottovarietà e diverse clonazioni (moscato bianco in Piemonte, moscato di alessandria/zibibbo in Sicilia, muscat in Provenza e Valle della Loira, altre varietà in Sudamerica e Nuova Zelanda).

Allo stesso modo per i vitigni a bacca rossa l’uva principe è il cabernet sauvignon un vitigno francese originario di Bordeaux onnipresente soprattutto nei grandi vini rossi.
Come lo Chardonnay, il Cabernet Sauvignon è un vitigno che dà molta struttura ed è difficile che non dia buoni risultati dove venga impiantato.

Le altre varietà cosiddette internazionali sono il merlot, il syrah o shiraz, il Pinot nero, il sangiovese (soprattutto in Sudamerica rappresenta uno dei pochi vitigni italiani riproducibile fuori del territorio di origine).

La produzione mondiale di vino La produzione mondiale di vino

In Italia la regione dove la produzione è maggiore è la Sicilia (10 milioni di ettolitri). Poi Veneto, Puglia, Emilia Romagna. Anche se tradizionalmente considerata la patria del vino, la Francia è dietro all’Italia, seppur di poco, per quantità di produzione (55 milioni di ettolitri contro 56).

SERVIZI SPAZIOPREVER
HOMEPAGE